La torta di Pasqua è
una ricetta della tradizione pasquale Umbra che, in base al paese nella quale è
preparata cambia nella composizione degli ingredienti.

Questa
ricetta è la MIA
nel senso che dopo aver assaggiato quella Torgianese (che in più ha il limone
grattugiato) e quella Collepepese fata da Franca (che essendo fatta ad occhio
ogni anno è un po’ diversa, ma sempre buona) con Leo abbiamo messo a punto
questa dose, per chi non ha paura dei grassi e del colesterolo! 😀

 

 

Ingredienti x 3 teglie medie e 1 stampo da plum cake (o
bucciotta!) cioè Forno Pieno
15 uova
1,6 kg di farina                     (poi aggiusti in base all’impasto)
200 gr di margarina            (o burro o strutto a
pezzetti)
110 gr di lievito di birra       (puoi
anche usare il lievito madre, in quel caso ne và il 30%                                    della
farina: circa 500 gr)
2 ½ cucchiai grandi rasi di sale
Pepe
e noce moscata
400 gr di parmigiano                       grattugiato
300 gr di pecorino romano             grattugiato
500 gr di groviera                             a pezzetti
150 gr pecorino semi-stagionato  a pezzetti
100 gr pecorino morbido                a pezzetti
Strutto per ungere le teglie
Pazienza e tempo libero (ingrediente
fondamentale!)
procedimento
La sera
prima
preparare il lievito mescolando 500 gr di farina con il lievito di
birra e un po’ di atte tiepido (no caldo se no uccide il lievito): impastare
velocemente e mettere in una ciotola spolverata di farina, coprire il
“lievitino” con un altro poco di farina così non farà la crosta e lasciar
riposare per tutta la notte in un luogo riparato coperto da un canovaccio
(l’ideale è il forno chiuso).
Sempre la sera prima puoi avvantaggiarti a
grattugiare e tagliare a pezzetti il formaggio.
Il mattino
seguente prendere una conca, o comunque un recipiente abbastanza grande, e
mettere la farina restante (non tutta, però), le uova semisbattute e poi
aggiungere il lievitino. Quando il lievitino sarà ben amalgamato con le uova
aggiungere gli altri ingredienti ed impastare energicamente.
In base alla grandezza delle uova e al tipo
di formaggio utilizzato potrebbe essere necessario aggiungere un po’ di farina
fino ad ottenere un impasto che si stacca dalle mani.
Prepara le teglie ungendole (parecchio se
no  si attacca il formaggio) con lo
strutto, puoi anche passarle con un po’ di farina, e mettici dentro l’impasto
fino a metà teglia.
Posiziona le teglie a lievitare, almeno 2
ore, in un luogo senza spifferi d’aria (sempre il forno) con un pentolino
d’acqua bollente, che ogni tanto dovrai rinnovare.
Quando saranno lievitate quasi fino al bordo
togliele dal forno e scaldalo a 200°, inforna le torte e cuoci almeno 30’ (naturalmente dipende dal
forno, quando pensi che siano cotte fai la prova con lo stecchino).
Sforna le torte solo quando sono molto
fredde.
NB: Più i formaggi e le materie prime sono
buone e meglio viene (io l’anno scorso li ho comprati al Caseificio Montecristo
a Ponte Rio) e comunque possono essere sostituiti con formaggi che ti piacciono
di più, l’importante è stare attenti alle consistenze.
NB: Le teglie per cuocere le torte di Pasqua
sono quelle di alluminio leggero, se usi gli stampi di carta controllale più
spesso perché cuociono prima.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.