Questa ed altre ricette sono state realizzate ad un corso di cucina che ho seguito a casa della mia collega. Un’idea molto carina per trascorrere un pomeriggio in cucina, cucinando, chiacchierando e  conoscendo nuove persone mentre i nanetti giocavano in un’altra camera, con tanto di baby sitter…il massimo!!
In questa ricetta in realtà i chitarrini erano allo zafferano, ma, si sa, che a me piace cambiare!!
Sono buonissimi, ma devo ammettere che l’abbinamento con lo zafferano è migliore, esalta di più i profumi del sugo.
Oramai la chitarra ce l’ho, la prossima volta farò la versione originale
ingredienti
3 uova
300 gr di farina
1 bustina di nero di seppia
Per il sugo
3 sardine
Una manciata di capperi
Una manciata di olive nere snocciolate
Un mazzetto di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
1 foglia di alloro
Sale e pepe, olio d’oliva
2 bicchieri di passata di pomodoro
Procedimento
Prima di tutto prepariamo la pasta, disponiamo la farina a fontana e ci rompiamo dentro le uova, le sbattiamo leggermente con la forchetta e poi uniamo il nero di seppia. Impastiamo piano piano fino ad ottenere un panetto morbido che metteremo a riposare mezz’ora.
Intanto prepariamo il sugo: tritiamo i capperi, le olive nere e il prezzemolo.
Mettiamo a scaldare l’olio d’oliva con lo spicchio d’aglio, le 3 sardine  e la foglia di alloro, quando l’aglio inizia a colorirsi buttiamo nella padella il battuto di capperi-olive-prezzemolo e lasciamo andare un minuto.
Uniamo il pomodoro, sale e pepe e cuociamo a fiamma alta cinque minuti.
Riprendiamo la pasta che abbiamo fatto riposare e stendiamola in piccoli rettangoli (o similari) lasciandola un po’ alta.
Mettiamo le sfoglie sulla chitarra e spianiamo finchè non scendono…un gioco da ragazzi!
Mettiamo a scaldare l’acqua per la pasta e quando bolle caliamo la pasta, bastano 3 minuti da quando vengono a galla.
Scoliamo e mantechiamo nella padella con il sugo.
chitarrini al nero di seppia

 

I miei validi aiutanti

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.