Nuovo mese, nuovo scambio di ricette fra Bloggalline e sono stata fortunata perchè sono tornata dalla mia amica Annalaura.

E’ sempre un piacere navigare tra le pagine del suo blog: mi perdo sempre nella sezione dei lievitati, ma poi, per mancanza di tempo e organizzazione, non riesco mai a prepararli. Ma i cornetti bicolore che ho visto in home sono da provare assolutamente.

Avendo acquistato di recente le carote viola non ho avuto dubbi su quale ricetta provare e quindi, con qualche modifica, ecco a voi la torta di carote viola che io ho realizzato in mono porzione.

L’effetto al morso è spettacolare, bello da vedere e buonissimo da mangiare. L’effetto scenografico ha stupito i miei ragazzi.

Anche questa volta niente torte mosce per me

#notortemosce #scambioricette #bloggalline #amicizia

Ingredienti

  • 500 g di carote grattugiate
  • 4 uova a temperatura ambiente
  • 300 g di farina di tipo 1
  • 300 g di zucchero di canna integrale
  • una bustina di lievito in polvere
  • 100 g mandorle grattugiate
  • 100 gr di olio di semi
  • zucchero a velo per spolverare

Procedimento

Sbucciare le carote e grattugiarle con un robot da cucina.

In una ciotola inserire le uova e lo zucchero e iniziare a miscolare con la frusta a mano. Aggiungere l’olio di semi e continuare a mescolare finché tutto sia assorbito. Setacciare insieme la farina e il lievito, aggiungere le mandorle grattugiate e unire pian piano all’impasto.

Preparare i pirottini nella teglia, versare l’impasto nei pirottini fino a 3/4 dell’altezza e livellare. Infornare in forno caldo e cuocere per 15 minuti a 175° (fare sempre la prova stecchino: deve essere cotto, ma rimane umido).

Lasciar raffreddare su una griglia e cospargere di zucchero a velo. Gustare a colazione o con un the, caffè, orzo o cioccolata accompagnata con un cucchiaino di panna, ma anche a metà mattina va benissimo. Perfetto per la colazione dei ragazzi a scuola.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.